Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2012

Vi propongo un contorno diverso e sfizioso per una “prima cenetta al freddo”….

Ingredienti

  • 4 zucchine tonde
  • una fetta di prosciutto cotto alta mezzo centimetro
  • 2 uova
  • 50 gr di fontina
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

Fate lessare le zucchine per 10/15 minuti circa. Ancora tiepide tagliate la “testa”, avendo premura di non romperle in modo da poterle usare per la presentazione, svuotate le zucchine e la parte interna passatela in un pentolino, senza condimento, in modo da farla asciugare. Sbattete poi le uova con il sale, il pepe e il parmigiano, aggiungete la polpa di zucchine, il formaggio e il prosciutto tagliato a dadini.

A questo punto riempite le zucchine, che avete lasciato a testa in giù su una griglia a scolare, con il composto.

Mettere un filo d’olio su una teglia e infornare 200° per 30 min circa.

Buon appetito…!!!

Annunci

Read Full Post »

Babà

…non mi sono dimenticata di voi… Ho passato qualche giorno di vacanza a Napoli dalla mia dolce zia che non solo mi ha fatto vedere la città in tutto il suo splendore, da Piazza del Plebiscito al Teatro San Carlo, dal lungo mare al panorama meraviglioso del Vesuvio, ma mi ha fatto soprattutto assaporare tutto ciò che di gustoso e poco dietetico ci possa essere…pizza, sfogliatelle, “friariellli” e salsiccia (solo chi è napoletano mi capisce) e soprattutto un babà delizioso e quindi appena tornata mi sono voluta cimentare anche io in questa “creazione”, perchè è veramente un dono per noi mortali…

Ingredienti per 12 babà

  • 250 gr di farina
  • 1 bustina di lievito di birra
  • 40 gr di zucchero
  • 50 gr di burro fuso
  • buccia grattugiata di mezzo limone bio
  • 3 uova
  • pizzico di sale
  • 250 gr di latte tiepido solo se occorre

Per bagnare il babà

  • 250 ml di acqua
  • 150 gr di zucchero
  • 60 ml di rhum

Procedimento:

Mettere le uova, lo zucchero, il sale, il burro e il lievito nella planetaria, aggiungere poi la farina. Lasciare lievitare l’impasto all’interno della ciotola per 30 minuti circa. Rimpastare per un altro minuto e versare il composto all’interno degli appositi stampini per 3/4 dopo averli imburrati ed infarinati. Lasciar lievitare fino al raddoppio. Infornare 180°, forno già caldo, per circa 20 minuti.

Intanto preparare lo sciroppo…far bollire l’acqua con lo zucchero, spegnere e aggiungere il rhum. Bagnare i babà quando lo sciroppo e tiepido.

Non ho di sicuro la stessa esperienza dei pasticceri napoletani…ma diciamo che sono contenta del risultato…

Buona merenda…!!!

Read Full Post »

Preparazioni base

Ed ecco a voi delle ricette di “base” da tenere sempre a portata di mano…

PASTA Frolla

  • 500 gr di farina
  • 240 gr di burro ammorbidito
  • 2 tuorli
  • 140 gr di zucchero a velo
  • scorza grattugiata di un limone o vanillina
  • pizzico di lievito per dolci

PASTA Frolla alle mandorle

  • 250 gr di farina 00
  • 250 gr di farina di mandorle ( vanno bene anche 250 gr di mandorle tritate)
  • 2 tuorli
  • 140 gr di zucchero a velo
  • 240 gr di burro ammorbidito
  • pizzico di lievito per dolci

PASTA Brisé

  • 250 gr di farina
  • 150 gr di burro freddo
  • 80 gr di acqua fredda (potete anche metterla nel freezer per una mezz’ora)
  • pizzico di sale

PASTA Sucrée

  • 250 gr di farina 00
  • 30 gr di farina di mandorle
  • 1 uovo
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 95 gr di zucchero a velo
  • semi di mezza stecca di vaniglia
  • un pizzico di sale

PASTA Sablé

  • 500 gr di farina
  • 250 gr di burro
  • 200 gr di zucchero
  • 90 gr di tuorli
  • semi di una bacca di vaniglia
  • buccia grattugiata di un limone

PASTA Choux

  • 250 gr di acqua
  • 250 gr di farina
  • 250 gr di burro
  • 5 gr di sale
  • 7 uova

PASTA brioche dolce

  • 350 gr di farina
  • 175 gr di burro
  • 120 gr di zucchero
  • 15 gr di lievito di birra
  • 4 uova
  • pizzico di sale

PASTA brioche salata

  • 350 gr di farina
  • 175 gr di burro
  • 20 gr di zucchero
  • 15 gr di lievito
  • 4 uova
  • sale q.b.

Ed ora un pò di salse…

CREMA Pasticcera

  • 3 tuorli
  • 500 gr di latte
  • 50 gr di maizena o fecola di patate
  • 150 gr di zucchero

BESCIAMELLA

  • 500 gr di latte
  • 50 gr di farina
  • 25 gr di burro
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b.

Read Full Post »

Dolce risveglio…

CANNONCINI ALLE MELE

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 2 mele (io preferisco le smith perchè rimangono più sode
  • 1 noce di burro
  • 2 cucchiani di zucchero di canna
  • uvetta sultanina a piacere

Preparazione:

Prima cosa da fare sono i” cornetti”, se avete gli appositi conetti di acciaio sarebbe più semplice, altrimenti potete utilizzare dei fogli di carta da forno che richiuderete a cono. Tagliate delle striscioline di pasta sfoglia larghe 1 cm circa, cominciate ad arrotolarle partendo dalla punta (che chiuderete bene) fino ad arrivare alla base del cono.

Prendete poi una teglia, ricopritela con della carta da forno, riponeteci su i vostri “cornetti” e fateli cuocere in forno a 200°, per 10 min circa. saranno pronti non appena diventeranno dorati.

Fate sciogliere una noce di burro in un padellino, aggiungete poi le mele tagliate a cubetti(stando attenti a non far bruciare il burro). Mettete lo zucchero di canna, amalgamate il tutto(si formerà questa cremina meravigliosa) e in ultimo l’uvetta.

Fate raffreddare un pò il ripieno e i “cornetti” che avete già tirato fuori dal forno..giusto?!? Poi farcite e spolverizzate con dello zucchero a velo!!

Buona colazione!!

Read Full Post »

Ingredienti per 3 persone:

  • 300 gr di spaghetti
  • 2 tuorli
  • pecorino q.b.
  • 50 gr di guanciale (fetta)
  • E.v.o.
  • sale e pepe nero q.b.

Preparazione:.

Mettere il guanciale tagliato a cubetti in padella con un filo di E.v.o. (non esageriamo! il guanciale è già parecchio grassoso). Dopo aver fatto rosolare il guanciale per pochi minuti a fuoco basso, aggiungere un mestolo d’acqua di cottura della pasta, far asciugare l’acqua e ripetere l’operazione due/tre volte: in questo modo il condimento si presenterà più cremoso e saporito.

A parte, far cuocere la pasta in abbondante acqua salata e quando ancora al dente scolare ed ultimare la cottura in padella con il guanciale. Aggiungere ancora due mestoli di acqua di cottura e il pecorino grattuggiato, a vostro piacimento,e amalgamare il composto al fine di ottenere un effetto “risottato”.

In una pirofila a parte sbattere i tuorli a bagnomaria per 3 o 4 minuti con una manciata di pecorino (se si preferisce) e aggiungere il composto agli spaghetti, avendo cura di spegnere il fuoco ed amalgamare velocemente: in tal modo l’uovo sarà cotto, rimanendo liquido. Spolverizzare infine con del pepe nero.

e Buon appettito!

Read Full Post »

Chi siamo…

Donne…
Ci svegliamo tutti i giorni e la prima cosa che facciamo è guardarci allo specchio. Riflessi davanti a noi i nostri pregi, i nostri difetti.. chi si ama di più, chi si ama di meno, chi vorrebbe rifarsi il naso, chi vorrebbe perdere dei chili, chi vorrebbe un uomo, chi vorrebbe cambiare vita, chi spera nella guarigione e chi nella serenità…
Così diverse eppure così uguali… ci amiamo troppo, ci odiamo troppo… Mai troppo obiettive per descriverci.


Sorelle…

Nasciamo dagli stessi genitori, cresciamo insieme, frequentiamo le stesse scuole, litighiamo ma ci vogliamo bene, piangiamo insieme, ridiamo insieme, condividiamo le nostre vite…
Mai troppo obiettive per descrivere l’altra.
Partiamo da qui, in ordine di anzianità, e poi si vedrà..

Parlando di me…

 

foto (2)
Anni 29, crescere fa paura. Non ammetterlo è una delle cose che mi riesce meglio. Da piccola non volevo ammettere di voler tutte le attenzioni per me, da adolescente non volevo ammettere che frequentare il Liceo non era cosa per me e da grande questa mancata ammissione mi ha portato ad essere ciò che non volevo, o almeno in parte.
Oggi voglio essere quella che sono, perché troppo grande per avere ancora paura di ammettere..
Il mio bisogno di avere tutto sotto controllo, di non sbagliare mai, perché sbagliare è “out”, il mio incessante desiderio di vedere che tutto fila liscio, sempre e comunque, ha fatto si che ogni cosa filasse quasi sempre nel verso sbagliato ed ora dico LET’S CHANGE!
Il blog finalmente: la cucina, l’unico punto fermo della mia vita; di quei “punti” che crescono in te a poco a poco, che ci mettono tempo a fuoriuscire, che troppo spesso tardano e che quando arrivano ti chiedi: perché non prima? Già, perché non prima? Perché tutto deve “maturare” in maniera naturale, senza forzature di alcun genere… perché è la natura a dettare il ciclo della vita, di qualsiasi vita. Negare la propria natura o non assecondarla non è cosa che s’ha da fare perché prima o poi prepotentemente ti avvolge fino a mostrarsi per quello che è. Prima parola chiave: NATURALEZZA!
Seconda parola chiave: il “portamento”. Da piccoli ci hanno sempre detto che nella vita per fare qualcosa bisogna essere portati… ma io questo “portamento” da piccola non l’avevo mica mai compreso e soprattutto non pensavo di averlo.
Ho scoperto poi crescendo che, quello che io chiamavo “portamento”, non aveva niente a che fare con la bravura e che l’avevo sempre scambiato con quello che tutti definiscono “talento”. Una parola troppo grande per me, che ho quasi paura a pronunciare ed è per questa ragione che tornerò alla parola originaria: tanto abbiamo inteso tutti di cosa si tratta.
Il mio “portamento”: la creatività in cucina. Nasce in qualsiasi momento del giorno, ti guida, ti mostra come fare… cioccolato, amaretti, pangrattato e farina..zucchero a volontà e fruste a roteare! Gira e spuma, spuma e gira… calore in quantità e dolce che bontà! E poi sale, spezie, prodotti di prima scelta sono gli ingredienti per una ricetta perfetta da condividere in famiglia e con chi altro voglia..

Parlando di me…

 

foto (1)
Presente! Ciao, sono Daniela e ho 15 anni e ho tanta voglia di… A dir la verità di anni ne ho 27, tutte le tappe raggiunte: studiato due lingue, diplomata col massimo dei voti, Laurea in Economia ed un lavoro che fa crescere, con delle responsabilità…perché nella vita essere qualcuno conta: parliamo di cose serie insomma! Io credo, invece, che la vita sia passione e che bisogna esprimerla… questa passione, in qualsiasi modo e sotto qualsiasi forma.
Gli opposti si attraggono: mentre mia sorella si destreggiava in cucina con le fruste e il mattarello, io non aspettavo altro che bastoncini di pesce fritti. E poi ancora.. patatine fritte e fritti, fritti, e fritti: “Frittellina” is my name; giusto per non perderci di vista e per rimanere, anche noi, in ambito internazionale! Poi la vita ci mette davanti alla nuda e cruda realtà ed evolviamo.. e qualcosa è realmente cambiato, altrimenti questo blog si sarebbe dovuto chiamare “lo spaghetto e la polpetta…fritta” ovviamente; io con la mia testa sempre tra le nuvole, io con i miei “si ma dai, aspetta…” che fanno innervosire chi mi circonda e soprattutto la mia “dolce metà” in cucina (mia sorella)…ma anche io con una concretezza tale per cui oggi possiamo dire: questo Blog s’ha da fare!

Per un altro inizio insieme, stavolta da poter condividere con tutti voi.
Con affetto e buona visione a tutti! Sperando che possa essere di vostro gradimento…

 

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: